sara e ruggero alla porta di brandeburgo

Porta di Brandeburgo, il simbolo di Berlino

La Porta di Brandeburgo è uno dei monumenti di Berlino più iconici e importanti, oggi è accessibile a tutti ed è il simbolo della Germania unita.
venite con noi in questo articolo per scoprire la sua storia e segnatela nel vostro itinerario, insieme a Unter den Linden, il viale di Berlino.

La Porta di Brandeburgo, un pò di storia

Per tutta la guerra fredda, ovvero dalla fine della seconda guerra mondiale fino alla caduta del Muro di Berlino, nel 1989, la Porta di Brandeburgo, che si trovava dal lato est della città, è stata il simbolo della divisione fra le due Germanie e i mondi che esse rappresentavano.
Dall’89 in poi, è diventata il simbolo dell’unità nazionale.
La porta ha cinque ingressi ma fino al 1918 erano coperti tutti, meno che l’ingresso principale, che poteva essere attraversato solo dalla famiglia reale.

“Tear down this wall!” (Abbatta questo Muro!) è quello che disse il Presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan a Michail Gorbačëv per la riunificazione delle due Berlino.

La porta è alta 26 metri e larga 65, le colonne doriche in pietra, che a terra hanno un diametro di 1,75 metri, creano 5 varchi di passaggio.
Si trova alla fine di Unter den Linden, uno dei viali più eleganti di Berlino e si affaccia sulla Pariser Platz, uno dei punti focali della città.

Oggi, la Porta di Brandeburgo (Brandenburger Tor) non è solo un monumento alla ritrovata unità della Germania, ma anche un monumento alla pace in Europa.
Una tappa obbligata durante un viaggio a Berlino, è sempre molto fotografata e bellissima da vedere sia di giorno che di notte!

Come arrivare

Potete arrivare alla Porta di Brandeburgo utilizzando la metropolitana e scendendo alla fermata Brandenburger Tor, della linea U55.
Oppure l’autobus numero 100, fino alla fermata Reichstag/Bundestag.

Seguite le nostre pagina Facebook e Instagram!

Leave a Comment