tullio colombo

Tullio Colombo, Visioni notturne al chiaro di Venere

Dopo aver letto Nora dei Neanderthal: Fra le insidie della Valle Intrasca non potevamo perderci il prequel dell’autore Tullio Colombo.
Anche se sono due romanzi autoconclusivi è interessante scoprire di più sulle vicende dei due protagonisti in Visioni notturne al chiaro di Venere.
Continuate a seguirci qui di seguito in questo articolo per scoprire la trama e conoscere un pò di più l’autore con le domande che gli abbiamo rivolto.

Visioni notturne al chiaro di Venere di Tullio Colombo, di cosa parla?

I protagonisti sono Eleonora e Davide, due ragazzi che si conoscono grazie ad una visita all’Abbazia medievale dei Santi Nazario e Celso.
Durante la visita guidata però decidono di staccarsi dal gruppo e conoscerla per conto loro.
E’ proprio qui che compare a loro Antonio Barbavara, lo storico abate dell’abbazia in persona, proveniente dall’anno di grazia 1429.

Visioni notturne al chiaro di Venere è un bel racconto storico e d’avventura, i due protagonisti si ritrovano davanti ad un personaggio dell’antichità.
Davvero curioso il modo in cui l’autore Tullio Colombo ha impostato il romanzo, che porta ad incuriosire i lettori fin dalle prime pagine.
Una scrittura semplice ma d’interesse, porta a leggere con piacevole relax tutto il romanzo in un soffio.
L’abbazia dei Santi Nazario e Celso esiste veramente, si trova nel comune di San Nazzaro Sesia nel parco naturale delle Lame del Sesia in Piemonte.
L’autore ha voluto omaggiare questa Abbazia con il suo romanzo, devolvendo il ricavato per la manutenzione di essa.
Partendo dalla storia dell’Abbazia è riuscito a realizzare una buona novella, così da far conoscere a tutti questo luogo magico.

L’intervista all’autore Tullio Colombo

Ringraziamo l’autore Tullio Colombo, felici di ritrovarlo sul nostro sito e potergli rivolgere questa nuova intervista.

Raccontaci un pò di te e della tua voglia di scrivere.

Scrivo essenzialmente per non dimenticare, possono essere fatti o persone che hanno interagito con me, oppure idee o storie, o intuizioni che mi sembrano interessanti e che se lasciate a sé stesse poi scompaiono.
Chiaramente mi piace pensare che anche altri possano apprezzare ciò che scrivo; quindi, alla fine non scrivo solo per me stesso.
Scrivo per comunicare, dialogare con il mio pubblico, piccolo o grande che sia, questo non è tanto importante.

Come nasce l’idea di questo romanzo, Visioni notturne al chiaro di Venere?

L’idea di “Visioni” è raccontata proprio all’inizio del libro.
Tutto prende spunto da una fotografia, da me scattata, a un paesaggio invernale in cui era molto evidente il pianeta Venere. Hanno sempre colpito la mia immaginazione i pianeti.
Però quando scattai la foto non avevo in mente di scrivere un racconto, fu solo dopo diversi mesi che….
Ma questo è tutto scritto nel libro. La cosa interessante è che da una foto scattata per caso è sorto un lavoro in cui una cosa tira l’altra: dalla foto un quadro, dal quadro una storia, dalla storia due traduzioni, una in inglese e l’altra in tedesco, tutte disponibili su Amazon.
E non è escluso che il testo possa essere tradotto in altre lingue, penso allo spagnolo, o al portoghese, ad esempio. Vedremo.

tullio colombo

Dopo Visioni notturne al chiaro di Venere e Nora dei Neanderthal: Fra le insidie della Valle Intrasca, hai in mente di scrivere altre vicende con gli stessi protagonisti?

Certamente Davide e Nora sono due soggetti interessanti, e per riprendere la domanda precedente, traduzioni a parte, penso proprio che questi personaggi abbiano ancora diverse cose da raccontare. Sono soggetti un po’ strambi ai quali accadono cose ai confini della realtà.
E dunque l’idea alla quale sto pensando è realizzare una miniserie.
Un terzo racconto è al momento in gestazione: potrebbe uscire il prossimo anno, con l’obiettivo di realizzare ancora un quarto racconto, autoconclusivo come i precedenti anche se chi leggerà “Visioni” e successivamente “Nora dei Neanderthal” potrà apprezzare nel secondo racconto alcuni dettagli che rimandano a questo primo.

Il romanzo Visioni notturne al chiaro di Venere è una pubblicazione indipendente, lo trovate su Amazon, gratis con Kindle Unlimited!

Per altri consigli di lettura potete consultare la nostra sezione Libri e Viaggi!
Se anche voi vorreste vedere pubblicata la recensione del vostro romanzo e l’intervista all’autore, affidatevi noi!
Scriveteci a saretta@iriseperiplotravel.com

10 thoughts on “Tullio Colombo, Visioni notturne al chiaro di Venere

    • Sicuramente è uno di quei libri da leggere sotto l’ombrellone per godere sia di questa buona lettura che del sole in vacanza. La trama mi piace molto ed è il genere che prediligo

  1. Bellissimo articolo, è sempre un piacere immenso attendere un po’ per poter leggere l’intervista con l’autore, in questo periodo di grande cambiamento anche per l’editoria, è importante saper portare buone argomentazioni a livello di narrativa. Lui ha fatto di più ponendo al centro della storia un luogo così bello, importante, misterioso con tanta storia e cultura che son giunte sino a noi. Leggendo mi ha portata a capire meglio il processo che si cela dietro al suo stile e modo di raccontare. Trovo tutto davvero fantastico e mi ha sorpresa il fatto che il ricavato andrà in beneficenza, per garantire i lavori di restauro, comprerei il libro anche solo per questo da artista nonchè amante dell’arte e dell’architettura vanno al signor Tullio tutta la mia stima e ammirazione.

  2. Molto intrigante questo romanzo. Quello che mi attira di più è proprio la genesi, legata a una fotografia che si è poi rivelata ricca di una storia mesi dopo. Molto interessante

Leave a Comment