coesione fantasma

Coesione fantasma, il volume 2 di Acchiappa-Spettri

Vi piacciono le storie di fantasmi e i Ghostbuster? Ecco che abbiamo trovato il nuovo romanzo che fa per voi, Coesione fantasma.
Si tratta del secondo volume della saga Acchiappa-Spettri dell’autore italiano Maurizio Garzara, successivo a Pronti a credere.
Seguiteci qui di seguito in questo articolo per conoscere le avventure del romanzo e non perdetevi l’intervista all’autore, che ci spiegherà la sua passione per il paranormale.

Coesione fantasma, di cosa parla?

I protagonisti del romanzo Coesione fantasma sono loro: Edoardo, Pàmela, Matteo e Leonardo, aiutati da
Leonor, la loro fidata medium.
Li abbiamo conosciuti nel primo Volume della saga Acchiappa-Spettri, intitolata Pronti a Credere, che uscirà in una riedizione aggiornata a breve.
Si vivono in queste pagine vicende cariche di azione, emozioni e colpi di scena sul passato dei quattro disinfestatori del paranormale.
Un vero e proprio Ghostbuster all’italiana, dove Torino è la sede centrale dei ragazzi acchiappa fantasmi, anche se si arriva fino a Genova.
Una storia divertente, misteriose e paranormale, tutto nel giusto equilibrio per creare un ottimo romanzo, con un po’ di leggerezza ma tanta apprensione. 

Il romanzo si legge con molta fluidità, anche per la sua parte simpatica che non manca mai di divertire.
Per chi ama il paranormale e i fantasmi, ma anche per gli amanti dell’azione e del mistero.
Insomma, un libro che abbiamo trovato perfetto per tutti, adulti e adolescenti e che appassiona grazie ai suoi vari personaggi.
Sempre meglio iniziare dal primo volume, ma possiamo assicurarvi che la storia ha un suo inizio e fine, quindi è possibile leggerlo in autonomia.
Ovviamente per dei fans dei film dei famosissimi Ghostbuster, abbiamo amato immergerci in questo mondo!
L’autore Maurizio Garzara è stato bravissimo a riprendere tutto il meglio di quel mondo e portarlo nel nostro bel paese.
Non finiremmo mai di leggere altre nuove vicende di questo gruppo di Acchiappa-Spettri, spero che continui ad avere buone idee come fino ad ora.

Intervista all’autore Maurizio Garzara

Ringraziamo l’autore della saga Acchiappa-Spettri, Maurizio Garzara, per averci donato un pò del suo tempo, rispondendo alle nostre domande.
Seguite l’intervista per sapere anche dei suoi prossimi appuntamenti con il paranormale!

Ciao Maurizio, da dove nasce la tua passione per il paranormale e i fantasmi?

Ciao Sara e Ruggero. La mia passione per il paranormale e i fantasmi ha radici nella mia adolescenza, se non addirittura nella mia infanzia. Posso dire che è sfociata nella sua esaltazione quando, nel 1985, vidi per la prima volta su VHS il film Ghostbusters.
Ricordo l’emozione provata al termine della visione.
Ero entusiasta e volevo subito rivedere quel lungometraggio per carpirne maggiori dettagli e sfaccettature. In seguito arrivò la serie animata, dapprima quella della Filmation, non fedele al film ma ad una serie tv di parecchi anni prima, e in seguito i The Real Ghostbusters.
Con essa iniziarono a vendere i giocattoli dei personaggi e fu da lì che iniziai a fantasticare inventando storie tutte mie.
Andando poi a scuola, erano le medie, con lo zaino in spalla immaginavo di indossare divisa e attrezzatura dei miei eroi del soprannaturale.
Anche in questo caso creavo nella mia mente dei racconti. Uno di essi lo ricordavo in modo particolare.
È proprio da quest’ultimo che presi poi spunto per creare l’avventura che viene narrata nel primo romanzo “Pronti a credere”.
Ovviamente ho creato dei personaggi miei, che non hanno molto a che vedere con il film degli Acchiappafantasmi, e ho ambientato la vicenda a Torino utilizzando luoghi esistenti e richiami storici realmente accaduti.
Ovviamente nel corso degli anni ’90 e 2000 ho continuato ad alimentare la mia passione per il paranormale con la visione di serie tv, film e lettura di libri a tema.
Posso quindi affermare che la mia passione esiste da sempre.

Come ti è venuta l’idea per questo romanzo, Coesione Fantasma?

In realtà l’idea di “Coesione fantasma” ha una genesi particolare.
Mentre, come ho spiegato, il primo romanzo nasce da una fantasia della mia adolescenza, il secondo nasce da una richiesta dei lettori.
Dopo aver pubblicato “Pronti a credere” iniziai a ricevere commenti positivi da coloro che si erano immersi nel mio racconto.
Oltre ai complimenti e alle osservazioni arrivarono molte richieste per continuare le avventure dei miei Acchiappa-Spettri.
Non nego di aver inserito nel primo libro almeno due particolari che avrei potuto sfruttare per eventualmente creare un seguito.
Così decisi di accogliere le richieste e decisi di completare le avventure dei miei personaggi con altri due romanzi che andranno a costituire una trilogia.
Il problema principale era che non volevo ripetere lo stesso schema del precedente romanzo.
Se nel primo volume conosciamo i miei eroi e li vediamo affrontare il loro primo grande incarico, volevo che nel secondo volume ci fosse più azione e soprattutto desideravo approfondire i personaggi.
Ecco quindi che in “Coesione fantasma” ci sono molti più scontri con gli spettri e vengono narrate molte vicende sul passato dei protagonisti.
Quello che inizialmente mi preoccupava era il fatto di non avere un antagonista unico che motivasse le battaglie che si leggono nel libro.
Per fortuna un giorno ho trovato l’idea che mi sembrava adattarsi perfettamente a ciò che cercavo.
Lessi su internet le leggende di un’antica entità che potevo inserire collegando alla perfezione tutti gli eventi che avevo pensato.
Così le avventure singole si sono amalgamate ad una linea di narrazione che culmina alla fine del libro con un qualcosa che spero il lettore non si aspetti.
Un cliffhanger che ovviamente servirà come punto di partenza per il prossimo volume della trilogia.

Sappiamo che sei anche un artista, hai disegnato tu i personaggi dei tuoi libri?

Grazie innanzitutto per definirmi ‘artista’. Il disegno è una passione che porto avanti come hobby, anche se vorrei poter avere più tempo da dedicargli.
In “Coesione fantasma” ho disegnato io tutte le illustrazioni che ci sono al termine della maggior parte dei capitoli.
In realtà non ho mai disegnato il volto dei miei personaggi perché lascio che sia la fantasia del lettore a plasmarne le fattezze, anche se ovviamente qualche indicazione scritta l’ho inserita.
Ho preferito disegnare invece dei particolari descritti nella storia o il luogo in cui è ambientato il capitolo stesso.
Approfitto di questa tua domanda per anticipare il fatto che sto realizzando una versione ‘rimasterizzata’ del primo romanzo.
Praticamente sto correggendo vari errori, purtroppo presenti nella stampa di “Pronti a credere”, inserendo alcuni piccoli particolari inediti e realizzando personalmente le nuove illustrazioni così da mantenere una coerenza con “Coesione fantasma” e con il terzo libro.

Ci sarà un terzo volume della saga Acchiappa-Spettri? Puoi svelarci qualcosa?

Come anticipato ci sarà un terzo e ultimo volume della saga dei miei Acchiappa-Spettri.
Nonostante la trama sia già completamente abbozzata non vorrei svelare troppo perché vorrei riuscire a realizzare un romanzo differente dai precedenti.
Posso dire che la conclusione della saga sarà qualcosa di epico e, come è stato fino ad ora, vedrà i miei personaggi agire sempre come un gruppo omogeneo nonostante la presenza di alcuni fattori di discordia tra loro.
Come ultima rivelazione posso dirvi che il titolo sarà un omaggio ai romanzi di Alice nel paese delle meraviglie.
Un saluto a tutti e grazie per l’intervista.

Il romanzo Coesione fantasma è un self publishing che trovate su Amazon nella categoria Storie di fantasmi, gratis con Kindle Unlimited.

Per altri consigli di lettura potete consultare la nostra sezione Libri e Viaggi!
Se anche voi volete vedere pubblicata la recensione del vostro romanzo
e l’intervista all’autore, affidatevi noi!
Scriveteci a saretta@iriseperiplotravel.com

4 thoughts on “Coesione fantasma, il volume 2 di Acchiappa-Spettri

Leave a Comment